25 NOV – Volevamo conquistare il cielo

Durata: -

Sala giardino verticale, ore 18:45

Non è la prima volta che una donna mi obbliga a guardare in faccia la realtà

Con particolare gioia inseriamo nel programma eventi di Incipit23 la presentazione di Volevamo conquistare il cielo, il romanzo scritto a quattro mani dai giornalisti Donatella Di Paolo e Laurenzo Ticca, edito da Incipit23.

L’appuntamento è per il 25 novembre alle 18:45
in occasione della Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne

Volti noti della televisione, i due caporedattori Mediaset si ritroveranno nella nostro caffè letterario per parlare dei molti temi toccati con sensibilità e forza dal loro libro: la contestazione giovanile degli anni Sessanta, l’amore e i contrasti, il dolore e la violenza sulle donne, la forza che viene dalla disperazione e il pantano delle debolezze umane. Lo faranno con la giornalista Susanna Barbaglia e assieme a loro ci sarà anche la dott.ssa Alessandra Granata, psicologa impegnata con la dott.ssa Alessandra Kustermann contro la violenza sulle donne e i minori, che interverrà per parlare delle attività del centro SVSeD (Soccorso violenza sessuale e domestica).

Al termine della presentazione Incipit23 proporrà un aperitivo dedicato: un cocktail esclusivamente creato per l’evento, chiamato RESPECT, accompagnato da originali appetizer (costo €9). Parte del ricavato sarà devoluto all’associazione SVS Donna aiuta Donna Onlus.

 

La partecipazione è libera sino ad esaurimento posti, nel rispetto delle norme anti-Covid e con presentazione del Green Pass.

Sinossi

Il mondo, l’amore e la sofferenza scritti e descritti a quattro mani, si mostrano sotto il filtro dello sguardo femminile e di quello maschile, nel primo romanzo dei giornalisti Donatella Di Paolo e Laurenzo Ticca. Volevamo conquistare il cielo è la storia intensa e appassionante di Lea e Luca, due giovani studenti universitari che vivono la loro breve, ma fondamentale relazione negli anni accesi della contestazione giovanile. È la storia dell’entusiasmo e dei sogni di tutta una generazione, quella del Sessantotto, che si scontrerà poi con la delusione di promesse infrante e di un mondo che, anziché cambiare nella direzione sperata, sembra peggiorare di giorno in giorno. La vita dei due protagonisti prosegue parallela e indipendente per oltre vent’anni, segnata da dolori profondi, violenze inconfessabili e il dramma della malattia. Ma proprio la sofferenza e il conseguente desiderio di rinascita porteranno Lea, nel momento più difficile della sua vita, a cercare Luca dopo tanto tempo per scoprire cosa sia rimasto di quell’amore, di quei due giovani e dei loro sogni.

HIGHLIGHTS
  • Una storia d’amore raccontata dal punto di vista femminile e maschile
  • Una storia di vita lunga oltre vent’anni, che prende le mosse nel Sessantotto
  • Un romanzo vero, che tocca il tema delicato del cancro al seno e quello attuale della violenza sulle donne (#MeToo)
Tra romanzo e cronaca

Volevamo conquistare il cielo è un romanzo, una storia di finzione con personaggi di fantasia. Ma gli autori, entrambi giornalisti televisivi di grande esperienza, hanno voluto raccontare fatti veri, fornire al lettore in tutta la loro cruda realtà quelli che possono e devono essere considerati materiali di cronaca. In particolare la storia della protagonista femminile si pone come rappresentazione e denuncia di una situazione tristemente comune: Lea è una donna molto bella, una brava professionista che nella sua vita privata e lavorativa si trova a doversi scontrare non solo con la prova feroce della malattia, ma anche con rapporti con uomini di potere che cercano di portarla a compromessi inaccettabili.

Il romanzo, lungi dal rappresentare uno scontro di genere, mostra attraverso la scrittura a quattro mani e l’originale impianto narrativo a due voci, le diverse sensibilità del maschile e del femminile, mondi distinti, ma altrettanto capaci di interpretare, raccontare e affrontare la vita con profondità e rispetto. 

Citazioni dal testo

Luca. “Sono frastornato dalle sue accuse. Non è la prima volta che una donna mi obbliga a guardare in faccia la realtà. In fondo Lea ha ragione. Le sue parole rispecchiano i pensieri che confusamente sono affiorati dentro di me. Lei sembra comprendere il mio disagio. Si avvicina e mi accarezza il volto

Lea. “Esiste un prima e un dopo. E in mezzo tutto quello che è successo. Ma dopo non hai più certezze. Solo tempo da afferrare, mordere, azzannare. Perché improvvisamente il tempo non è più infinito. La tua vita è a tempo

Lea. “Reagii all’istante e gli graffiai il viso con tutta la forza che avevo in corpo. Lui impazzì alla vista del sangue. Cominciò a colpirmi con quelle sue mani enormi ovunque riuscisse. Cercai di difendermi, gli urlai di smettere, mai lui era molto più forte di me. Urlava anche molto più forte di me. Mi accucciai sotto il sedile, coprendomi la faccia. Aspettai che si sfogasse

Brevi biografie autori

Donatella Di Paolo

Donatella è nata a Genova nel 1962. Laureata in lettere e filosofia, è giornalista professionista. Nel 1987 entra in Mediaset, dove rimane fino al 2017 come caporedattore e conduttrice dei telegiornali. È volontaria per la Fondazione Francesca Rava, Mission Bambini ed Europa Donna e fondatrice del progetto Women for Haiti.

Laurenzo Ticca

Laurenzo è nato a Milano nel 1954. Giornalista professionista, ha collaborato con l’Unità e lavorato in radio e televisioni private. Nel 1987 entra in Mediaset, dove rimane fino al 2018 come caporedattore e conduttore dei telegiornali.

Scheda tecnica

Titolo: Volevamo conquistare il cielo
Anno di pubblicazione: 2020
Casa editrice: INCIPIT23
Formato: cartaceo, e-pub
ISBN: 9788894931341
Disponibile in libreria e online
Prezzo cartaceo: 15€ | Prezzo e-pub: 4,80€

 

I prossimi eventi